ALTO CONTRASTO -a +A

Degenerazione maculare senile e performance di guida

Effetti della degenerazione maculare senile sulle performance di guida

Un interessante studio condotto da ricercatori australiani (*) ha analizzato le differenze esistenti nella condotta di guida tra anziani affetti da degenerazione maculare retinica senile e un gruppo di controllo di pari età per identificare i fattori determinanti della performance di guida.
In sintesi lo studio è stato condotto su 33 anziani (età media 76,6 +- 6,1 anni) affetti da maculopatia di grado lieve (61%) e di grado intermedio (39%) e su un gruppo di 50 anziani di pari età (74,6 +-5,0 anni) senza la patologia oculare.
In entrambi i gruppi sono stati misurati l’acuità visiva, la sensibilità al contrasto, il campo visivo e la sensibilità al movimento. In seguito è stata accertata la performance di guida facendo percorrere un itinerario standard con un veicolo a doppi comandi, controllato da un terapista occupazionale all’oscuro della condizione visiva del guidatore.
In dettaglio sono stati misurati la sicurezza di guida (cui è stato attribuito un punteggio complessivo graduato da 1 a 10), gli errori di comportamento alla guida, il luogo dove si sono verificati e il numero di “errori critici” che avevano richiesto l’intervento dell’istruttore.
Questo primo studio sul comportamento oggettivo di guida da parte di conducenti anziani (affetti e non affetti da maculopatia senile) effettuato in reali condizioni di traffico, ha permesso di identificare le differenze nei tipi di errore effettuati alla guida di un veicolo e dove sono stati commessi.
Gli Autori hanno potuto osservare che alcuni singoli conducenti anziani con maculopatia sono stati valutati come soggetti con guida sicura (mentre come gruppo il punteggio conseguito era complessivamente minore di quello acquisito dal gruppo di controllo con una differenza significativa); queste differenze si sono osservate nel numero di errori di comportamento alla guida, nella capacità di osservazione, nel mantenimento della corsia di marcia, nell’individuazione degli spazi in situazioni complesse, come l’ingresso in crocevia governati da semaforo, dove le conseguenze di un errore possono essere fatali).
Per valutare a fondo le proprie capacità di guida (anche ai fini del mantenimento della patente) gli autori dello studio ritengono opportuno valutare i conducenti anziani con deficit visivo dovuto alla degenerazione maculare senile attraverso test differenziati (come ad esempio la valutazione della sensibilità al movimento) che identifichino meglio i comportamenti insicuri ed i tipi di situazioni di guida che vengono ritenute più impegnative.

(*) Wood J. M., Black A. A., Mallon K., Kwan A.S., Owsley C. – Effects of Age-Related Macular Degeneration on Driving Performance – Invest. Ophthalmol. Vis. Sci. 2018, 59, 273-279.