ALTO CONTRASTO -a +A

L'attività all'aperto può ridurre la miopia

Nell’infanzia il tempo trascorso all’aperto e l’attività fisica riducono l’insorgenza della miopia

Più volte in questo Sito abbiamo riportato ricerche condotte in varie parti del Mondo sul ruolo positivo giocato dall’esposizione alla luce solare e all’aria aperta nella riduzione dell’incidenza di miopia nell’età infantile.
Riteniamo ora di grande interesse riportare i risultati di un vasto studio poliennale condotto recentemente nel Regno Unito, l’Avon Longitudinal Study of Parents and Children (*) nel quale sono stati seguiti alcune migliaia di bambini per un lungo periodo di tempo, dai 2 fino ai 15 anni di età per approfondire il ruolo dell’esposizione alla luce del sole e dell’attività fisica sull’incidenza della miopia.
Fino all’età di 9 anni la quantità di attività fisica svolta all’aperto è stata misurata dagli stessi genitori e riportata al gruppo di ricerca; dopo gli 11 anni è stata rilevata oggettivamente con un “contapassi” individuale indossato per una settimana. Sono stati effettuati accertamenti visivi oggettivi all’età di 7, 10, 11,12 e 15 anni attraverso l’esame autorefrattometrico.
L’analisi della grande mole di dati raccolta ha permesso di individuare che sia il tempo trascorso all’aperto sia lo svolgimento di attività fisica sono in rapporto con la minore incidenza di miopia, in particolare il maggiore effetto positivo risulta correlato al tempo trascorso all’aperto. L’indice di rischio per miopia cala progressivamente dall’età di 3 anni a quella di 9 anni.
Un ulteriore rilievo interessante è costituito dal fatto che queste associazioni si notano indipendentemente dai due maggiori fattori di rischio di miopia: la miopia dei genitori ed il tempo speso a leggere. Il tempo passato all’aria aperta è in relazione inversa con l’insorgenza di miopia, anche indipendentemente dall’attività fisica svolta.
L’esposizione alla luce solare all’aperto rimane un fattore fortemente correlato alla riduzione del rischio di sviluppare una miopia; invece il tempo speso nell’attuare lavori che comportano compiti con una prolungata visione da vicino, tradizionalmente correlati alla miopia, si dimostra scarsamente correlato al deficit visivo miopico.

(*) Guggenheim J.A., Northstone K., Mc Mahon G., Ness A.R., Deere K., Mattocks C., Pourcain B.S., Williams C. – Time Outdoors and Physical Activity as Predictors of Incident Myopia in Childhood: A Prospective Cohort Study. – Invest.Ophthalmol.Vis. Sci. 2012 May; 53 (6): 2856-2865.