ALTO CONTRASTO -a +A

Nuova scoperta nella struttura della cornea - Nuove prospettive terapeutiche

È stato recentemente reso noto che ricercatori dell’Università di Nottingham hanno scoperto un nuovo componente della struttura della cornea, finora mai rilevato.
La cornea dell’uomo è la lente protettiva trasparente collocata nella parte anteriore dell’occhio, attraverso la quale la luce può penetrare nel bulbo oculare. Fino ad oggi veniva descritta come struttura anatomica composta da cinque strati che dall’esterno fino all’interno erano costituiti rispettivamente dall’epitelio corneale, lo strato di Bowman, lo stroma corneale, la membrana di Descemet ed infine l’endotelio corneale.
Il nuovo strato scoperto dai ricercatori di Nottingham, denominato strato di Dua (dal nome dello scopritore, professor Harminder Dua) è collocato nella parte posteriore della cornea, tra lo stroma e la membrana di Descemet, è acellulare ed è molto sottile - lo spessore è pari a 15 micron, mentre l’intera cornea ha uno spessore di 550 micron, 0,05 mm -, ma al contempo è molto duro e forte, tanto da resistere ad una pressione di 1,5 – 2 bars (circa 1 atmosfera e mezzo). Le caratteristiche sono tali da permettere atti chirurgici nell’area corneale posteriore in modo più semplice e più sicuro per il paziente, ma la scoperta permetterà anche una migliore comprensione di alcune patologie della cornea, quali l’idrope acuta, il Descematocele e le distrofie pre Descemet.
Il gruppo di ricerca, sulla base della scoperta, pensa che l’idrope corneale - un rigonfiamento della cornea causata da accumulo di liquidi che si verifica in pazienti con cheratocono - sia causato da uno strappo nello strato di Dua attraverso cui si insinua il liquido accumulato nell'interno dell'occhio, ristagnandovi. 

Harminder Dua, Lana A. Farai, Dalia G. Said, Trevor Gray, James Lowe – Human Corneal Anatomy Redifined: A novel Pre-Descemet’s Layer (Dua’s Layer)- http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0161642013000201