ALTO CONTRASTO -a +A

Nuove tecnologie per le persone daltoniche

Nuove tecnologie per consentire alle persone daltoniche una visione migliore della TV.

La cecità ai colori (daltonismo) è una patologia che sostanzialmente rende difficile distinguere bene il colore rosso dal verde e che colpisce circa 250 milioni di persone nel mondo.
La visone dei segnali stradali o di altra natura, ma anche delle fotografie o dei programmi televisivi, in particolari quelli con immagini contenenti molto rosso e molto verde (ad esempio sport, documentari sulla natura, rubriche di cucina), risulta molto disturbata.
Grazie alla ricerca dell’University of East Anglia di Norwich (Gran Bretagna) è stata sviluppata una tecnologia(*) che permette a chi soffre di cecità ai colori di guardare la televisione al pari di tutte le persone che percepiscono i colori normalmente.
La nuova tecnologia denominata Eyeteq (**) può essere applicata a qualsiasi tv come un comune accessorio e diventare una delle tante opzioni a menu. Un altro grande vantaggio consiste nel fatto che il televisore trasmetterebbe immagini che non disturbano i normovedenti a differenza di quanto è reso possibile dal metodo già noto della “daltonizzazione”(che consiste nel sostituire i colori invisibili ai daltonici con altri colori, ignorando l’immagine nel suo insieme) non gradito dai normovedenti.
Le immagini vengono migliorate fotogramma per fotogramma prima di arrivare allo schermo; l’elaborazione si avvale di modelli matematici della percezione che permettono di rimappare i colori massimizzando la discriminazione per i soggetti daltonici ma allo stesso tempo minimizzando qualsiasi impatto fastidioso per i normo vedenti. In una parola i soggetti daltonici colgono in modo migliore tutti i dettagli di colore, i normovedenti o non riescono a percepire le differenze presenti nelle immagini o talvolta le percepiscono come migliori.

(*) Il prodotto è industrializzato da Spectral Edge Ltd, una spin-out company del Colour and Vision Group della School of Computing Sciences dell’ University of East Anglia in Norwich (GB).
(**) qualche immagine è disponibile in internet sul sito omonimo