ALTO CONTRASTO -a +A

DALL’UNIONE CIECHI UN APPELLO
PER IL MONDO DELLA DISABILITÀ

(tratto da “L’Adige” – 14 aprile 2013)

“Le polemiche ci danneggiano”
“Pochissimi truffatori non possono screditare una realtà di 300 mila ciechi e ipovedenti: i disabili non sono la rovina dell’Italia”. lo ha detto il direttore nazionale dell’Unione ciechi e ipovedenti Ferdinando Ceccato, intervenuto all’assemblea provinciale del sodalizio del Trentino.
“Dando grande risalto sui mass media ai 10-12 casi recentemente smascherati di finti ciechi ai quali è stata riconosciuta l’indennità, non si colpiscono i veri responsabili di questo scandalo: i medici che nelle commissioni non fanno il loro lavoro e favoriscono pochissimi a danno di molti”, ha aggiunto il presidente del Consiglio di Trento, Bruno Dorigatti, portando il suo saluto all’assemblea.
Ceccato ha quindi protestato contro la tendenza, presente in alcune correnti di opinione, a dipingere i disabili “solo come un peso e un costo per la società”.
Anche questo concetto è stato ripreso da Dorigatti: “È un errore impedire, come ha fatto il governo per decreto, ogni contributo pubblico a sostegno delle associazioni, comprese quelle impegnate nell’aiuto ai disabili. No è giusto che siate voi a pagare perché qualche lazzarone nel nostro Paese ha utilizzato in modo distorto le risorse dei cittadini”.
Un messaggio chiaro, dunque, all’indirizzo del nuovo Parlamento.