ALTO CONTRASTO -a +A

Nell'oscurità, tutt'altra musica

Ha preso il via una nuova edizione dei “Concerti al buio” organizzati da Irifor
“La musica può regalare emozioni e sensazioni diverse da ogni altro contesto.” In una sola affermazione Ferdinando Ceccato, presidente della Cooperativa Sociale IRIFOR del Trentino Onlus (a servizio dei non vedenti) sottolinea il valore e il senso dei “Concerti al Buio”, riproposti anche quest'anno. Tra le numerose iniziative e servizi offerti, Irifor punta molto sulle attività di sensibilizzazione per avvicinare alla disabilità, per aiutare a non vederne solo il limite ma anche il potenziale che accompagna il cieco e l’ipovedente nella quotidianità. È proprio in questo contesto che sono nati gli eventi al buio: i percorsi, i bar e le cene. Tutto nell'oscurità totale. Obbligati ad affidarci ai non-vedenti per muoverci ed occupare questi spazi. E scoprendo le emozioni che il buio può regalarci. Se poi a queste si aggiungono quelle che scatena la musica, diverse per ognuno, personalissime, facile capire la forza che porta con se “Dark Notes – la musica illumina l'anima”, cartellone di 8 concerti aperto lo scorso 19 febbraio dai chitarristi Tiziano Campagna e Daniele Valle. “Non si è disturbati da nulla – prosegue ancora il presidente di Irifor - dalla visione del palco, dall'aspetto dell'artista, che sia seduto, in piedi... Nulla. Ti siedi e vieni immerso nella musica.”
Al buio totale sono altrettanto “costretti” gli artisti. Musicisti vedenti chiamati a calarsi nei panni di un cieco. “L'unico artista che replica rispetto alla scorsa stagione è Jack Jaselli. Ha voluto lui – spiega Ceccato - tornare e intende farlo ogni anno. È stato proprio rapito dall'esperienza: l'anno scorso nella nottata tra le prove e il concerto ci ha scritto una canzone da quanto l'aveva colpito”. Si entra in sala con luci già spente, quindi si ignora completamente il contesto in cui ci si trova. “Fondamentale – integra il presidente di Irifor - per non avere riferimenti, ricordi che possono distrarre. Ci si deve affidare ad altro per orientarsi: udito, tatto, sensazioni. Poi quando le luci lentamente si rialzano è bello scoprire che nulla è come lo si è immaginato.”
Gli eventi, tutti ad ingresso con offerta libera, sono in programma alle ore 20.00 presso la Sala Rossa della Cooperativa IRIFOR in via della Malvasia 15 a Trento e richiedono la prenotazione (chiamando lo 0461/1959595 o scrivendo a irene.matassoni@irifor.it).