ALTO CONTRASTO -a +A

Una didattica per bimbi speciali

«Crescere assieme»: coinvolte 5 scuole e 120 studenti per 1.000 ore di lezione e 22 laboratori.
NICOLA MASCHIO - Un progetto ambizioso e con una solida struttura, per favorire l’apprendimento dei ragazzi meno fortunati. «Crescere Assieme» ha preso il via lo scorso ottobre 2017, concludendosi proprio nel corso di questo gennaio 2019, e si è rivolto al miglioramento del benessere psico-fisico, della dimensione individuale e sociale, ma anche di quella comportamentale e relazionale di ragazzi affetti da autismo, disturbi di varia natura (attenzione e comportamento nella maggior parte dei casi), sordità o dislessia. Cinque gli istituti di istruzione primaria coinvolti su tutto il territorio trentino: Cavalese, Giudicarie Esteriori, Mezzolombardo, e Paganella, Tione e Trento 4. Un totale di 22 laboratori didattici, più di mille ore di lezione e complessivamente ben 120 studenti italiani e stranieri coinvolti, selezionati appositamente dagli insegnanti. «Crescere Assieme» ha poi segnato la forte sinergia tra Cieffe Srl di Trento, ente attuatore ed accreditato per la formazione con il Fondo Sociale Europeo tra la nostra Provincia e quella di Bolzano, e l’associazione AbC Onlus (ora incorporata in AbC IRIFOR del Trentino). Il risultato sono stati due anni di successo, dove tanto gli insegnanti quanto gli esperti, ma soprattutto gli alunni, hanno potuto imparare molto. «Il problema vero è che i bambini, quelli sordi in particolare, hanno bisogno di una didattica speciale - ha sottolineato Armando Pedulla, ex presidente Abc Onlus ed ora vicepresidente vicario e direttore dell’area udito di AbC IRIFOR del Trentino. - Proprio per questo abbiamo formato docenti a loro volta specializzati. Siamo felici di poter contribuire all’insegnamento in modo concreto e reale, affinché il bagaglio culturale scolastico possa arrivare a tutti. Non dimentichiamoci poi che le metodologie impiegate per l’apprendimento di questi ragazzi possono essere adottate anche per coloro che non soffrono di particolari disturbi». Le strategie da applicare in contesti scolastici e sociali sono state diffuse attraverso tre laboratori specifici, seguiti da altrettante dottoresse. Il laboratorio «Beethoven» con la dottoressa Thien Ngoc Hy, «Einstein» con la psicologa Stefania Campestrini ed infine «Newton» con la dottoressa Melania Chistè. «Il fatto che la prima iniziativa della nuova cooperativa sia dedicata al mondo dell’infanzia, evidenzia come il settore scolastico sia per noi di estrema importanza - ha concluso il direttore di IRIFOR, Ferdinando Ceccato. - Ma questo progetto è solo l’inizio di una bella collaborazione, dato che lavoreremo ancora con Cieffe».