ALTO CONTRASTO -a +A

PIU’ VALORE AL TURISMO


Inaugurata sabato la casa del Pertegante, la nuova struttura affidata in gestione alla cooperativa sociale Artico di Trento
Le porte dell’Ex Centro Diurno erano chiusi da alcuni anni. Da quando, Provincia e Comunità di valle, hanno chiuso la struttura a causa del numero ridotto di utenti. Ora, dal 1° luglio,, laddove erano alloggiate le persone anziane della conca , arrivano gruppi parrocchiali, scout ed associazioni da tutto il nord Italia.
È la “casa del Pertegante”, la nuova struttura affidata in gestione, con una convenzione decennale, dal Comune alla cooperativa sociale “Artico” di Trento. In due mesei e mezzo sono già arrivate 400 persone. Siamo all’Ingresso del paese, un edificio che, nei decenni scorsi, era stato sede di alcune attività produttive, tra cui anche la Bailo.
Sabato 10 settembre il taglio del nastro, alla presenza del sindaco di Cinte Tesino, Angrla Buffa, del suo vice, Mirko Mezzanotte, del presidente di Artico, Mariano Failoni, e dell’amministratore delegato Pietro Scarpa. Il pomeriggio di festa è stato allietato da attività ricreative, laboratori per i più piccoli, una caccia al tesoro, ed il bar al buio con la cooperativa Irifor, Apc Onlus e Dark Solutions.
Una cooperativa, Artico, che concepisce e pratica un turismo accogliente e accessibile per valorizzare i beni culturali e i loro territori. Oltre alla casa del Pertegante Artico gestisce in Trentino spazi destinati al turismo sociale a Segonzano, A Borgo Chiese e, dal 1° gennaio, una casa natura all’interno del Parco Adamello Brenta. Fino a poco tempo fa aveva in gestione anche una struttura in Vezzena.
A Cinte sono presenti 18 camere in grado di ospitare fino a 50 persone, un partneriato pubblico e privato che in Tesino punta a radicarsi nei prossimi anni. Soddisfatto, e non potrebbe essere diversamente, il primo cittadino Buffa. “Noi, in questa operazione, fin da quando siamo stati eletti, ci abbiamo sempre creduto. È stata una scommessa portata a termine grazie al lavoro di Ferdinando Ceccato e ad una cooperativa che fin dall’inizio ci ha dimostrato grande serietà condividendo il nostro progetto”. Il comune si è occupato dell’adeguamento strutturale dell’edificio, agli arredi, alla logistica ed alla nuova logistica ci ha pensato Artico. Al primo ed al secondo piano le stanze, al pianterreno la mensa, gli spazi ricreativi e la cucina con un ampio giardino esterno. “Rispetto alle altre case, qui ijn Tesino vogliamo sfruttare questo edificio tutto l’anno. Una struttura alpina per andare oltre gli 80-85 giorni della normale attività estiva”.
Nei mesi scorsi diversi gruppi hanno usufruito degli aspazi, alcuni in auto gestione con Comune e cooperativa, che puntano quanto prima, a creare anche alcuni posti di lavoro. “Noi ci crediamo – concludono sindaco e rappresentanti della cooperativa – in quanto per ogni euro introitato vengomno generati altri 50 centesimi che ricadono sul territorio. E in questo caso, a Cinte Tesino”.