ALTO CONTRASTO -a +A

Grazie alla Irifor, mia figlia è stata curata gratis

(tratto da “L’Adige” – 6 settembre 2013)

Sono il padre di una ragazza invalida per cecità da toxoplasmosi congenita con residuo visivo di 1/20.
Dopo infinite visite da specialisti, mi viene suggerita una terapia da fare presso una clinica privata della durata di 10/15 sedute. Ovviamente il costo di tale terapia non è coperto dall’assistenza sanitaria ma totalmente a carico mio. E sappiamo tutti su che cifre girano le cliniche private.
In seguito mi confronto con il medico oculista del mio comprensorio, che mi consiglia un colloquio col primario dell’ospedale provinciale per vedere se c’è una soluzione tramite assistenza sanitaria. Dopo una breve verifica della situazione, il primario mi indirizza alla Irifor (unione italiana ciechi) dove avrei potuto eseguire la medesima terapia in modo totalmente gratuito grazie alla collaborazione tra il primario e la Irifor.
Ho pensato quindi di scrivere questa mail a titolo di ringraziamento per il lavoro svolto su mia figlia, portandola a recuperare il suo visus fino a circa 1/10 dall’unico occhio che le è rimasto buono.
(Franco Tonelli)