ALTO CONTRASTO -a +A

10 anni di cooperativa Irifor

Un evento speciale                                                                                                                                                                                                                                                                                                              L’importante traguardo raggiunto dalla Cooperativa IRIFOR del TRENTINO è stato ricordato nel corso della serata svoltasi il 26 settembre 2018 a Trento, presso l’auditorium S. Chiara. Le seicento persone presenti hanno vissuto un momento unico, fra riflessione e divertimento. In apertura il Presidente della Provincia Autonoma di Trento, Ugo Rossi, ed il sindaco del capoluogo, Alessandro Andreatta, hanno portato un breve messaggio di saluto riconoscendo il ruolo fondamentale della Cooperativa nel contesto trentino e non solo, rispetto agli ambiti specifici in cui si trova ad operare. Ospite d’eccezione della serata è stato Oney Tapia, atleta paraolimpico pluriminorato e vincitore “Ballando con le Stelle”, edizione 2017, che divenuto cieco da adulto, ha saputo trovare in sé stesso le risorse per valorizzare la sua persona. Tapia ha raccontato la sua esperienza di vita con l’impronta di positività ed entusiasmo, rivolgendo anche parole di incoraggiamento a chi deve affrontare la cecità. Non poteva mancare un tocco di comicità con Luca Gardin ed il suo Spettacolo “Vedendo e scherzando”, creato appositamente per questa occasione. Il presidente di IRIFOR, Fernando Cioffi e il Direttore, Ferdinando Ceccato, hanno espresso il loro ringraziamento a quanti, a vario titolo hanno reso possibile il cammino nei suoi primi dieci anni di attività. L’evento ha goduto del patrocinio del Comune di Trento e del supporto del Comitato italiano Paralimpico, del CONI Comitato Provinciale Trentino, della Cassa Rurale di Trento, di Trentino Volley, di radio Italia Anni ’60 e di RTTR la televisione. Il futuro di questa realtà continua verso nuove sfide nella consapevolezza che i primi dieci anni di vita costituiscono soltanto l’inizio di un lavoro costante, da proseguire con impegno ed in collaborazione con le istituzioni e le realtà del territorio, per offrire servizi ai cittadini che desiderano una vita piena ed attiva, pur in presenza della disabilità. Con la sua testimonianza Oney, e non solo lui, ci dimostra che tutto ciò è realmente possibile. Luciana Brida